Perchè ascoltare musica a lavoro?

Musica a lavoro? Si grazie!

Stai li stressato davanti a un PC rinchiuso in un ufficio, triste e noioso? Nessun problema, un po di musica ti aiuterà a superare la giornata e ad aumentare la tua luogo-di-lavoroproduttività. Secondo una ricerca condotta da Midlab Internationalascoltare musica a lavoro contribuisce a diminuire lo stress. La musica a lavoro aumenta la produttività e la creatività dei dipendenti, diminuendo il rischio di incidenti sul lavoro.

La ricerca ha inoltre dimostrato che una giusta filodiffusione musicale nell’ambiente di lavoro non dovrebbe superare i 70 decibel, così da garantire il giusto sottofondo musicale all’interno del luogo di lavoro.

Una giusta diffusione musicale in un ambiente lavorativo aumenta quindi non solo la produttività, ma anche il confort e la qualità dell’ambiente stesso; Che sia un negozio, un bar o anche uno studio medico, legale, un ufficio, la filodiffusione aiuta a creare un ambiente lavorativo decisamente più confortevole.

Una riflessione personale spezza una lancia a favore della musica in ufficio o in negozio, in quanto oggi è diventato difficile, se non quasi impossibile, dedicare tempo all’ascolto della musica che più preferiamo. Avere la possibilità di passare i tuoi brani preferiti o mettere su un vinile nel luogo di lavoro, dove si passano in media dalle 8 alle 10 ore al giorno, non ha prezzo. Montare un piccolo amplificatore e dei diffusori nel proprio ambiente di lavoro può rivelarsi una soluzione abbastanza soddisfacente per gli amanti della musica, che odiano l’ascolto in cuffia e non vogliono rinunciare al suono caldo di un altoparlante a pochi metri di distanza.

In conclusione se questo articolo ti è piaciuto ti invitiamo a votarlo o a commentarlo. Se invece sei interessato all’installazione di un impianto di filodiffusione nel tuo luogo di lavoro, fai un giro nel pagina shop del nostro sito o contattaci per una consulenza gratuita.

codecanyon


Share this post: 

Si il primo a commentare “Perchè ascoltare musica a lavoro?”